Con Airbnb e il Comune di Milano la sharing economy sposa il sociale

IMG_9252.PNG
Il Comune di Milano e Airbnb, uno dei principali player della sharing economy, hanno annunciato l’avvio di un nuovo progetto volto ad accogliere gratuitamente i parenti dei degenti in cura presso gli ospedali milanesi ma anche a supportare Casa di Accoglienza Donne Maltrattate, che ha recentemente festeggiato 30 anni di attività nel fornire un’occasione di lavoro per le donne fuoriuscite da un percorso di maltrattamenti e violenze. 
“Si tratta di un progetto innovativo e inclusivo che fa seguito all’inaugurazione dello spazio diurno in Via Ripamonti 202, ‘Ri-Milano. Ricaricarsi e Ripartire’, messo a disposizione dell’iniziativa dal Comune di Milano a luglio 2015 – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Università e Ricerca Cristina Tajani -. Il forte sostegno di Airbnb al progetto dimostra come la valorizzazione degli operatori della sharing economy attuata da Milano stia giocando un ruolo fortemente positivo nel dare risposte ai bisogni delle persone e a rendere i cittadini ancora più solidali”. 
Il progetto, ideato e coordinato dal Comune di Milano in stretta collaborazione con la Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate, sarà gestita  dalla cooperativa I Sei Petali, sorta per gestire il servizio. Il programma consiste nel mettere a disposizione delle famiglie che arrivano a Milano per brevi periodi, per assistere i propri parenti in cura presso un istituto di cura milanese, alloggi gratuiti. Airbnb vuole così sostenere ancora una volta il ruolo della donna e le organizzazioni che lottano contro la violenza domestica e aiutano chi è riuscito a uscirne, in tutto il mondo. Airbnb coprirà interamente i costi di soggiorno mettendo a disposizione coupon di viaggio e la community contribuirà offrendo prezzi agevolati. 
Sono già 100 gli host Milanesi che, nelle prime 24 ore, hanno scelto di unirsi a questo importante progetto, offrendo alle famiglie un prezzo di soggiorno agevolato. La cooperativa I sei Petali, nata in seno a CADMI, grazie a un gruppo di donne ospiti offre una serie di servizi e supporterà la logistica e la gestione dell’ospitalità e delle prenotazioni per queste famiglie. 
“Siamo entusiasti di poter fare leva sull’unicità delle risorse che Airbnb contribuisce a mettere al servizio del bene comune, – ha dichiarato Matteo Stifanelli, Country Manager Airbnb Italy – come il nostro brand, il nostro prodotto e la nostra community di host fondata innanzitutto su un profondo senso di ospitalità. Grazie alla collaborazione con la Cooperativa Sei Petali saremo in grado di offrire a molte persone la possibilità di accedere ad un posto che possano chiamare casa anche in un periodo così delicato della loro vita”. 
“Grazie alla Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate che ci ha affiancato nella realizzazione di questo progetto e al Comune di Milano che lo ha reso possibile, posso finalmente dire che sono orgogliosa di rappresentare le donne che, con questa impresa, hanno l’opportunità di ricostruire, rinnovare, aggiornare le proprie competenze professionali e iniziare un’attività lavorativa innovativa per il territorio” ha dichiarato Nadia Cezza, Presidente della Cooperativa I Sei Petali. 

Peeple: a essere recensite saranno le persone

IMG_2081.PNG

È bastato un articolo del Washington Post a far scattare il panico tra il popolo della rete. Il prestigioso quotidiano statunitense, con un articolo a firma di Caitlin Dewey, ha rivelato che sta per arrivare, presumibilmente a novembre, Peeple, una app che consente agli utenti di valutare le persone che conoscono.
Così, dopo alberghi, ristoranti e film, si potranno valutare anche amici e parenti inserendo per ogni persona tre categorie di giudizi: personali, professionali e sentimentali.
Il tutto, stando a quanto reso noto, avverrà con regole precise: la piattaforma accetta solo maggiori di 21 anni; banditi atteggiamenti sessisti, bestemmie e commenti su stato di salute; per inserire il primo commento su una persona non presente in precedenza occorrerà inserire il numero di cellulare del censito che verrà avvisato dell’accaduto; è necessario inviare recensioni con il proprio vero nome. Inoltre, le valutazioni positive saranno rese pubbliche immediatamente, mentre quelle negative saranno congelate per 48 ore e saranno inviate via posta al censito che, se registrato a Peeple, potrà contestarle.
Sul fatto che nel mondo non si sentisse il bisogno di una app del genere, certamente invasiva, pensiamo che la maggioranza delle persone di buon senso possa convenire; da qui però a farne un caso, quasi una crociata, a noi di SocialEconomy sembra eccessivo. Siamo in un’era in cui tutto è condiviso: aggiorniamo in continuazione i nostri status e ci tagghiamo nei luoghi che frequentiamo facendo sapere quindi quasi qualunque cosa della nostra vita; ci dilettiamo a giocare al piccolo chef improvvisandoci sofisticati gourmand dalla penna rossa pronti a stroncare ristoranti anche prestigiosi, idem con gli alberghi. Quindi perché gridare allo scandalo? Forse perché non è elegante giudicare gli amici, parenti o ex? O forse più semplicemente non è consono farlo in pubblico visto che giudicare alle spalle è una delle pratiche più comuni in qualunque angolo della terra? Certamente a differenza di Tripadvisor o di Yelp, tutti noi abbiamo diritto alla privacy e i 15 minuti di popolarità, non è detto siano graditi a tutti.
A nostro giudizio sarebbe preferibile un correttivo: chiedere al censito di dare l’autorizzazione o meno a ricevere dei commenti, positivi o negativi che siano. Punto. Una delle fondatrice di Peeple, intervistata dal Washington Post, ha dichiarato: “Le persone fanno molte ricerche quando acquistano una macchina o devono prendere qualsiasi genere di decisione”, «Perché non fare lo stesso tipo di ricerca su altri aspetti della tua vita?” Il ragionamento non fa una piega. L’altra co-fondatrice invece ha sottolineato l’importanza di conoscere i vicini di casa visto che è mamma di due figli. A tutti i moralisti che hanno attaccato peeple chiediamo: non vi è mai capitato di googlare il nome di una persona appena conosciuta, per saperne di più? Chi è senza peccato scagli la prima pietra.