Cresce l’attesa per l’udienza sul caso Uber che inizia oggi a Roma

img_5677

Si celebra oggi 5 maggio presso il Tribunale di Roma l’udienza sul ricorso presentato da Uber contro la sentenza con la quale il Tribunale civile di Roma aveva dichiarato la concorrenza sleale nei confronti dei tassisti da parte del big player della sharing economy. Dalla decisione dei giudici dipende il futuro di Uber in Italia in quanto il Tribunale Civile di Roma con un provvedimento dello scorso 7 aprile aveva disposto la sospensione perentoria dei servizi Uber entro i successivi 10 giorni. Successivamente il colosso del ride sharing come raccontato da SocialEconomy aveva ottenuto la sospensione temporanea del provvedimento fino all’esito del giudizio di appello che inizia appunto oggi.  In Udienza, a porte chiuse, Uber potrà contare dell’appoggio dell’associazione dei consumatori Altroconsumo e su quello dell’Antitrust. Contro la scelta dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato si sono scatenati ieri alcune sigle sindacali dei tassiti che in un comunicato hanno scritto che trovano “Scandaloso che un’Autorithy sostenuta con i soldi dei contribuenti spenda risorse pubbliche per difendere gli interessi di un gruppo privato senza mai trovare una parola in favore di un fondamentale servizio pubblico come il taxi”.

Francia, lo sciopero dei tassisti contro Uber degenera in guerriglia urbana

IMG_0449

Oltre duemila tassisti stanno manifestando a Parigi e in altre città francesi tra cui Tolosa, Marsiglia e Lille contro i servizi di trasporto con conducente. Tra gli “avversari” dei tassisti c’è – come visibile in alcune foto presenti sui media francesi e su Twitter –  Uber, il colosso della sharing economy con sede a San Francisco.  A Parigi, secondo quanto riportato dai principali media d’oltralpe tra cui Le Figarò, i manifestatnti sarebbero oltre 1.200. Secondo quanto si apprende la manifestazione è degenerata in parecchi scontri, in partcioalre, a sud di Parigi, uno dei manifestanti è stato ferito, mentre a Porte Maillot, versante nord della capitale francese, i tassisti hanno incendiato per strada alcuni peumatici e hanno bloccato la tangenziale. Al fianco dei taxi francesi, secondo quanto riportato da La Stampa, ci sarebbero alcuni tassisti provenienti da Spagna, Belgio e Italia.  Il segretario di Stato francese ai Trasporti Alain Vidal ha dichiarato che gli atti di violenza sono inaccettabili.