SHARE raddoppia la sua presenza a Milano

12898239_1095877203767539_9115618275836949982_o.jpg

SHARE – Viale Umbria (da Facebook)

SHARE (Second HAnd REuse), il concept store che combina il sostegno a progetti di utilità sociale con il riuso degli indumenti, porta a tre i suoi punti vendita. L’insegna ha infatti inagurato a Milano, in viale Umbria, il proprio secondo punto vendita che va aggiugnersi a quelli di Viale Padova e a quello di Varese. SHARE, in totale allineamento con la filosofia alla base della sharing economy, è un negozio di abiti usati dove acquistando si contribuisce al sostegno di progetti di solidarietà sul territorio. Gestito dalla cooperativa sociale Mondi Possibili, SHARE ha ricevuto il contributo di Fondazione Cariplo, Fondazione Vismara  e Unicredit Foundation.

A Milano e Varese arriva il concept store di abiti usati che sostiene progetti di utilità sociale

s_slide1

Un negozio di abiti usati dove, acquistando a prezzi accessibili a tutte le tasche, si contribuisce al sostegno di progetti di utilità sociale. Questa è la filosofia di SHARE (Second HAnd REuse), una nuova realtà che ha due punti vendita, uno a Milano e uno appena inaugurato a Varese, che rimette in circolo abbigliamento di qualità di seconda mano con il valore aggiunto della solidarietà. Gestito dalla cooperativa sociale Mondi Possibili, che nella stessa strada si occupa già della Bottega del Commercio Equo e Solidale, Share ha ricevuto il contributo di Fondazione Cariplo e Fondazione Vismara. Nel concept store, arredato in stile eco-chic e con materiali di riciclo, i clienti potranno trovare un vasto assortimento di capi moda per Donna, Uomo e Bambino; pezzi unici ed originali, anche delle migliori marche, tutti perfettamente igienizzati e sanificati o addirittura nuovi, e suddivisi in fasce di prezzo da 1 a 19 euro. Quello di via Luini a Varese è il secondo negozio aperto, dopo quello di via Padova a Milano, sotto l’insegna Share. Spiega Carmine Guanci, vicepresidente della cooperativa ideatrice e promotrice Vesti Solidali: “L’obiettivo del progetto è quello di valutare la sostenibilità di una nuova attività commerciale che proponga alla clientela capi d’abbigliamento in perfette condizioni provenienti dall’Italia e dall’estero e che, attraverso la loro commercializzazione, possa creare nuova occupazione, generare risorse economiche da destinare a progetti di solidarietà sul territorio e completare la filiera del recupero indumenti usati mediante la raccolta da cassonetti stradali”.

Airbnb: 323 milioni di Euro l’impatto economico su Madrid

IMG_1791.PNG

Continua il viaggio di SocialEconomy per raccontare l’impatto economico che genera Airbnb nelle città in cui è presente. Dopo avervi raccontato l’influenza sull’economia nella città di Atene e Barcellona rimaniamo in Spagna spostandoci nella sua capitale. Lo studio realizzato dalla massima società mondiale di home sharing prende in esame il periodo che va da gennaio 2014 a dicembre dello stesso anno, lasso di tempo in cui 3.200 host madrilèni hanno ospitato viaggiatori Airbnb per una media di 68 giorni all’anno.
La maggioranza dei proprietari di casa che hanno inserito il proprio immobile nella piattaforma di sharing, il 22%, si occupa di servizi nell’ambito di settori creativi (arte e design) mentre solo il 9% lavora nel mondo della finanza e il 7% nel campo dei servizi di hospitality. L’88% dei viaggiatori Airbnb che hanno visitato la capitale spagnola l’hanno fatto per vacanza o per fare visita ad amici o familiari.
Il 65% dei viaggiatori è europeo, mentre il 19% arriva dal Nord America.
L’impatto complessivo sull’economia della capitale della penisola iberica è stato di 323 milioni di euro, considerando sia le entrate arrivate direttamente agli host Airbnb dai guest ospitati, sia le spese indirette e indotte generate da coloro che hanno soggiornato a Madrid attraverso la piattaforma.
A livello di impatto sull’occupazione, Airbnb ha supportato nel periodo considerato 5.130 posti di lavoro. Il tipico host Airbnb di Madrid ha guadagnato circa 320 euro al mese dall’affitto della propria abitazione. Quanto ricavato dalle entrate generate dall’attività di hosting è servito ai proprietari degli immobili principalmente per pagare le spese ordinarie delle proprie abitazioni (30%) o per sovvenzionare l’affitto o il mutuo (22%).
Ricadute positive ci sono anche per i quartieri in cui sono situate le abitazioni: ogni ospite in media ha speso 478 euro nelle vicinanze del proprio alloggio durante il periodo a Madrid. Ulteriore beneficio emerso dal sondaggio effettuato da Airbnb presso gli “ospitanti” della città del Prado è quello sociale. Gli host hanno, infatti, evidenziato, come accaduto anche a Atene, che uno dei vantaggi è l’arricchimento culturale derivante dall’aver ospitato cittadini stranieri con diverso background, cultura e lingua.
Ultimo aspetto preso in esame da Airbnb è quello relativo all’impatto positivo sull’ambiente derivante dall’aver soggiornato in abitazioni anziché nella tradizionali strutture recettive: a livello energetico è stata risparmiata corrente elettrica pari a quella di 2.950 abitazioni; l’acqua consumata in meno è pari a quella necessaria per riempire 50 piscine olimpiche; le emissioni di gas in meno sono state pari a quelle di 8.500 automobili; mentre il risparmio in termine di minor rifiuti prodotti è stato misurato in 400 metri cubi di tonnellate.

Guadagnare condividendo foto e video? Con Klink si può

IMG_2168-0.PNG

Condividere le proprie foto o i propri video può fruttare qualche dollaro. Questa è l’idea di fondo di Klink, un nuovo social network dedicato alla fotografia. Klink è disponibile da qualche giorno per dispositivo IOS e in versione beta per quelli Andrioid.
Certo nessuno diventerà ricco con lo sharing dei propri scatti, visto che 1.000 visualizzazioni da parte di utenti unici generano US$2, ma l’idea è certamente originale in quanto coniuga la sharing economy con i social media.
Per ottenere più visibilità all’interno della piattaforma gli utenti hanno la possibilita di comprare per 0,99 dollari l’opzione featured cui è dedicata una sezione specifica delle gallery.
Una volta caricata la foto (o il video) è possibile identificarla inserendo dei tag per facilitare la ricerca all’interno del news feed presente sulla app. I fotografi che conquistano un elevato livello di scatti visualizzati diventeranno influencer della piattaforma, ottenendo l’inserimento all’interno della sezione creators.

La condivisione rende immortali

Condividi la tua conoscenza. È un modo per raggiungere l’immortalità.
Dalai Lama XIV

Share your knowledge. It is a way to achieve immortality.
Dalai Lama XIV