Scooterino raccoglie 500 mila euro e si prepara al lancio in nuove città 


Scooterino, la startup del ride sharing su moto scooter, mette a segno un round di investimento da €500 mila e annuncia che si prepara al lancio dei propri servizi in altre città d’Italia e rende da possibile prenotare in anticipo un passaggio in scooter. Il nuovo sistema di pre-booking andrà ad affiancarsi al già collaudato sistema delle richieste in tempo reale. Questa nuova funzionalità  risponde all’esigenza crescente degli utenti di garantirsi un passaggio in specifici giorni o orari. D’ora in poi gli Scooteristi registrati potranno inserire i loro percorsi e orari abituali, direttamente nell’app, e verranno avvisati se qualcuno sta cercando un passaggio compatibile. Per quanto riguarda gli utenti, invece, essi potranno richiedere un passaggio real-time come fatto finora, oppure formulare una richiesta di prenotazione anticipata (minimo 6 ore di anticipo, massimo 7 giorni) inserendo giorno, ora e indirizzi desiderati: l’app mostrerà i profili degli scooteristi che vanno in quella direzione. Il nuovo sistema di prenotazione interesserà un’area molto grande di Roma, per permettere il matching tra i pendolari, mentre il servizio last minute in tempo reale sarà attivo solo in una zona piccola e centrale e avrà un rimborso minimo di 6€ “Ma applicheremo uno sconto fino alla fine dell’anno, quindi il rimborso per un passaggio rimarrà lo stesso per altri due mesi” – assicurano i fondatori. Disponibile per Android e per IOS, l’app Scooterino negli ultimi 12 mesi ha generato un contagioso entusiasmo nella città di Roma, portando più di 12.000 persone ad iscriversi grazie al solo passaparola, registrando più di 33.000 richieste di passaggio nella sola città di Roma e suscitando la curiosità di media italiani e stranieri tra cui il The Guardian. Nonostante le difficoltà iniziali, questa traction ha convinto un pool di investitori americani, in co-investimento con il fondo regionale Lazio Innova, a scommettere sulla startup oltre €500.000 per rendere possibile una più rapida espansione del business. Per richiedere o prenotare un passaggio basta scaricare l’app e registrarsi, mentre per iscriversi come scooteristi si può scrivere all’indirizzo support@scooterino.it o compilare il profilo “Scooterista” all’interno dell’app. “Il nostro obiettivo è potenziare al massimo l’efficenza della mobilità condivisa in città” – affermano Oliver Page e Francesco Rellini, co-founders della start-up romana – “per questo stiamo già raccogliendo adesioni di aspiranti scooteristi in altre città, prime fra tutte Genova, Milano, Firenze e Napoli, per dare vita alla più grande community di ridesharing su scooter in Italia”. Scooterino non dimentica la sicurezza: “Riteniamo sia necessaria per creare una comunità solida e che ispiri fiducia” – ricordano i co-founders – “per questo motivo, prima di accettare uno scooterista nella nostra community ci sarà un incontro per convalidarne l’identità. In più e’ richiesto un minimo di 21 anni, una patente valida, un’assicurazione in regola, e uno scooter omologato per due e in buone condizioni”.“Scooterino non è un servizio Scooter Taxi o un Affitto Scooter, non è nemmeno uno Scooter Sharing” – affermano i fondatori. “Scooterino è il “BlaBlaCar” per i tragitti brevi e urbani sullo scooter”. Passeggeri e Scooteristi infatti devono lasciare un feedback reciproco alla fine di ogni passaggio condiviso e costruirsi così una reputazione nella community. Il round di finanziamento appena concluso conferma l’attrattività dei servizi della sharing economy rivolti alla mobilità urbana. 

 

Con Scooterino arriva il prete a domicilio

106_DSC066128 novembre 2015

Foto Scooterino


Anche la religione scopre la sharing economy. In occasione dell’Anno Santo, Scooterino, la prima app di ride-sharing su due ruote a Roma, ha lanciato Scooterino Amen, una funzione senza scopo di lucro integrata nell’App di Scooterino, che permette a tutti i cattolici, locali e stranieri, di richiedere una confessione, una benedizione, o un colloquio su richiesta ad un prete di Roma. Il fedele, dopo essersi registrato a Scooterino, potrà cosi richiedere una confessione attraverso l’app. Dopo tale richiesta, Scooterino avviserà prontamente i preti registrati e gli scooteristi già su strada cosi da consentire al primo sacerdote disponibile di accettare la richiesta del fedele che sarà trasportato da uno scooterista a destinazione.
Una volta condiviso il momento della confessione, sacerdote e fedele potranno lasciare un commento l’uno sul profilo dell’altro, incoraggiando così la community di Scooterino a partecipare più attivamente al Giubileo Straordinario della Misericordia. Scooterino Amen utilizza l’esistente tecnologia di Scooterino per contribuire all’organizzazione del Giubileo, sperando di essere un valido aiuto per tutti quei fedeli e membri del clero che, durante l’Anno Santo, dovranno affrontare il complesso sistema di trasporto romano. In maniera sicura, conveniente, facile e veloce, con Scooterino Amen si darà la possibilità ai fedeli di ricevere una confessione nel luogo desiderato, senza doversi preoccupare degli spostamenti in una città caotica come Roma. Le registrazioni per Scooterino Amen sono aperte. Per ricevere una notifica del lancio di Scooterino Amen, preti e fedeli possono iscriversi a Scooterino inserendo il promo code “ScooterinoAmen” al momento della registrazione. Il promo code ti regala anche il primo passaggio gratis.