Con AirDonkey la tua bicicletta può farti guadagnare 10 Euro al giorno

Donkified-Bike

Una delle caratteristiche distintive della sharing economy è il suo essere disruptive per molti business tradizionali. La novità è rappresentata dal fatto che la rapida evoluzione che l’economia della condivisione sta avendo nel mondo può portare alla nascità di nuove società che potrebbero, almeno potenzialmente, avere la capacità di essere disruptive anche verso business nati da poco. Un esempio è costituito da AirDonkey, un innovativo progetto creato dalla società con sede in Danimarca Donkey Republic. Se AirDonkey dovesse prendere piede potrebbe, per le sue caratteristiche, essere un temibile concorrente per tutte le società di bike sharing. AirDonkey è una catenaccio e una piattaforma che, insieme, consentono ai proprietari di biciclette di affittare direttamente il proprio mezzo a chiunque abbia scaricato sul proprio smartphone l’app della società danese. Per dotare la propria bici di questo sistema gli ideatori hanno messo in vendita un kit al costo di 80 euro che una volta montato trasforma qualunque bicicletta in un veicolo condivisibile con altri e quindi in grado di generare un reddito. Al proprietario del mezzo, una volta montato il kit, non rimarrà da fare altro oltre che impostare l’area entro la quale rende possibile il noleggio della propria bici e, ovviamente, il tempo per cui vuole condividerla con gli utenti. Coloro che invece sono interessati a affittare la bicicletta, tramite la app scaricata sul proprio smartphone, apriranno il lucchetto per sbloccare la due ruote e potranno inziare a utilizzare la bici. Dopo i primi test effettuati nella sona Copenaghen, gli ideatori stanno promuovendo una campagna crowfunding su Kickstarter con l’obiettivo di raccogliere 250 mila Corone danesi. Il punto di partenza dell’idea dal quale sono partiti gli ideatori di AirDonkey è il seguente: la tariffa media per affittare una bicicletta nel Nord Europa è di circa 10 euro al giorno, con il sistema da loro proposto questi 10 Euro anziché andare tutti alla società di bike sharing verrebbero ripartiti al 20% a AirDonkey, mentre il rimanente 80% sarebbe riconosciuto direttamente al proprietario della bicicletta. Nel presentare la propria iniziativa Erdem Ovacik, co-fondatore di Donkey Republic ha dichiarato: “Troppe persone utilizzano la propria bicicletta soltanto una volta ogni tanto e ne posseggono anche una per i propri ospiti che non viene quasi mai utilizzata. Vogliamo permettere alle persone di fare soldi dalle proprie biciclette”.

Guadagnare condividendo foto e video? Con Klink si può

IMG_2168-0.PNG

Condividere le proprie foto o i propri video può fruttare qualche dollaro. Questa è l’idea di fondo di Klink, un nuovo social network dedicato alla fotografia. Klink è disponibile da qualche giorno per dispositivo IOS e in versione beta per quelli Andrioid.
Certo nessuno diventerà ricco con lo sharing dei propri scatti, visto che 1.000 visualizzazioni da parte di utenti unici generano US$2, ma l’idea è certamente originale in quanto coniuga la sharing economy con i social media.
Per ottenere più visibilità all’interno della piattaforma gli utenti hanno la possibilita di comprare per 0,99 dollari l’opzione featured cui è dedicata una sezione specifica delle gallery.
Una volta caricata la foto (o il video) è possibile identificarla inserendo dei tag per facilitare la ricerca all’interno del news feed presente sulla app. I fotografi che conquistano un elevato livello di scatti visualizzati diventeranno influencer della piattaforma, ottenendo l’inserimento all’interno della sezione creators.